critics

Critica

critica

critica

Questa e’ una sezione del mio sito, molto delicata, dato che raccoglie i testi che la critica artistica ha stilato per me.

Mi sento veramente molto onorato e lusingato di poter pubblicare degli articoli che esperti del settore e critici d’arte, hanno scritto spontaneamente, anche perchè sono spesso toccanti, per me.

Io non sono in grado di dire molto, se non sottolineare la mia profonda gratitudine per tutte queste persone importanti che mi hanno dedicato spazio e attenzioni.

Ti lascio alla loro lettura, se vorrai e ti farà piacere, o anche solo se sei curioso di scoprire come alcuni esperti della critica hanno voluto valutare e descrivere le mie opere pittoriche.

Chiaramente, ringrazio davvero moltissimo per la Tua attenzione.

Testo Critico di Giancarlo Alu’

Membro della Comunita’ Internazionale Europea Esperti d’Arte.

Certificato Ufficiale della mia Esposizione in USA nel settembre 2011

usa2011

Critica di Isabella Convertino

L’Artista Umberto Zanoni e le Tecniche Moderne di rappresentazione

a cura di Isabella Convertino

.

Umberto Zanoni è un artista autodidatta con la passione per l’Aerografia, la Body painting, e l’Aerosol- Art . Nato a Cuggiono ( Milano) nel 1975, dopo aver frequentato il Liceo Artistico Statale con indirizzo Architettonico – culturale. Nel Febbraio 2005, fonda con altri 9 amici italiani una comunità Web, denominata Aerografisti.com, basata totalmente sulla teoria e sulla tecnica dell’Aerografia Moderna. Nel luglio 2004, in alcuni locali della zona di Varese, nascevano i primi spettacoli di Body-Painting, in collaborazione con una agenzia di organizzazione eventi. Umberto Zanoni coltiva anche questa passione che diventerà successivamente un motivo di esibizione durante gli spettacoli di body-painting e custom painting live. Esprimersi attraverso nuovi strumenti di verniciatura come l’aerografo, equivale pur sempre ad una forma d’arte. L’Aerografo è una pistola a spruzzo in grado di creare contrasti molto decisi, con una colorazione a bordi netti per realizzare le grafiche oppure attraverso contrasti molto sfumati, per definire un disegno realistico o ritoccare parti piccolissime. È lo strumento più utilizzato da tutti i modellisti per dipingere grandi e medie superfici. Come sappiamo, l’aerografo sfrutta la forza dell’aria compressa per spruzzare colore sulla superficie. A seconda degli usi e delle esigenze si distinguono due tipi di aerografi: a doppia e a singola azione. Con il nome di Aerografi a singola azione si distinguono quegli apparecchi in cui l’operatore può solo regolare l’ingresso dell’aria, mentre in quelli a doppia azione si può regolare sia l’ingresso dell’aria che quello del colore. Umberto Zanoni realizza una produzione estremamente interessante e incisiva: la tecnica dell’aerografo si sposa bene con il Figurativo moderno costruito da volti femminili e maschili contemporanei, ritratti compresi, oppure particolari anatomici surreali e fantastici, modificando e suddividendo l’immagine per curare il dettaglio. Nel particolare si nota una grande preparazione “microscopica” che rappresenta la validità dell’Artista che opera nel settore. La fotografia è una componente dell’immagine che viene elaborata con la fantasia creativa dell’Artista. In questo caso, non si tratta dunque di una fotografia che rilascia la macchina , nonostante rappresenti un’arte, ma l’artista Umberto Zanoni valorizza, attraverso le sue doti qualitative, l’operosità scientifica dell’oggetto in questione , presentandosi direttamente davanti all’immagine. Notiamo l’Artista mentre sta elaborando una immagine con l’aerografo in mano ed osserviamo come l’azione diventi una elaborazione chirurgica , dalla precisione assoluta in grado di valorizzare una particolarità dell’immagine stessa. Quando Zanoni si avvicina ad un soggetto , riesce ad elaborarlo a suo piacimento e la stessa elaborazione si chiama Arte creativa sul corpo ( body-painting) , dove l’oggetto o soggetto in questione , rappresenta quasi un pretesto che diventerà indispensabile per avere davanti a sé una elaborazione di immagine trasformata poi in Arte creativa, suggestiva e anche morale. L’Artista Umberto Zanoni ha una notevole forza spirituale e la sente nel momento in cui opera davanti a un soggetto che le trasmette gli impulsi per trasformare l’ immagine in un’opera d’arte. La Galleria d’Arte Modigliani di Milano, ha notato questa grande preparazione di valori e di tecnica, e direi, l’unica attualmente, volendo promuovere, nel contesto sociale dell’Arte contemporanea, un Artista, che si chiama appunto Umberto Zanoni, come unico rappresentante dell’Aerografia.

Il 23 settembre 2006, presso la Galleria Modigliani, si terrà la Mostra Personale delle opere dell’Artista. Inaugurazione Sabato, 23 Settembre, ore 18.00, con la presentazione critica dello Scultore e Scienziato, Romano Pelati.

Critica di Pamela Maione

“Sensuality Revolution Art”

a cura di Pamela Maione



Umberto ritrae corpi lussuriosi, opere cariche di sensualità, la sua tecnica iperrealista che ci ritrae corpi sublimi ed erotici, dovuta alla minuziosa ricerca dei particolari, degli incarnati, delle pieghe del corpo, i suoi quadri sono come lo specchio dell’anima, oltre a scorgere il realismo della perfezione anatomica, ne percepiamo la bellezza interiore, come se fossero carni angeliche di nuda sensualità, Il suo pennello è un aerografo, nel colore spruzzato, egli mette se stesso. La sua tecnica, l’aerografia, non perdona , nessuno sbaglio, nessun ripensamento, non esiste “gomma” per cancellare, solo l’istinto e una grandissima bravura può permettersi questi risultati. L’artista usa il suo aerografo con una precisione chirurgica, come se l’opera,una volta finita dovesse prendere vita, corpi che magicamente escono dalla tela, tanto precisi e reali da sembrare surreali.

Umberto usa l’aerografo come Pollock usava il pennello, imprime le sue emozioni indelebili sulla tela, ma precisandone i particolari al minimo dettaglio. Questa sua “impulsività” rende i suoi “ritratti” vere e proprie opere d’arte piene d’anima e vita.

Pamela Maione

Recensione critica a cura di VALERIA S.LOMBARDI

Dott.ssa in Storia dell’arte contemporanea laureata c/o Università Statale di Milano



Per apprezzare integralmente cosa l’odierna arte ci rilascia nei suoi tantissimi intenti: bisogna accostarsi a guardarla sempre superando i preposti limiti fissati dai canoni altrui, per approdare così a nuove realtà, modi di fare Arte. E poi forse l’accezione del Bello non è già di per sè un qualcosa d’indefinito?

Ho fatto questa premessa per introdurre l’aerografista artista UMBERTO ZANONI. La Sua resa artistica è già alta perchè i suoi lavori sono maturi,immediati,palpabili, carichi di una sensualità non cruda.

La Sua arte è però difficilmente racchiudibile con un termine: non la si può assolutamente considerare come Surreale in quanto la resa espressiva è facilmente intuibile, nitida e non vi sono reconditi significati nella rappresentazione, si potrebbe forse semmai definirla solo con il termine di surreale usato però in letteratura da Apollinere ovvero : superamento della realtà.

Inquanto davvero l’arte di Umberto Zanoni vi è nella sua profonda maestria, un superamento della stessa realtà che sfocia più direttamente in un sapiente Iperrealismo dettato dalla resa stessa dei dettagli e particolari.

Si guardi ad esempio nell’opera “Femminilità nascosta” :le pieghe all’altezza del fondoschiena, come pure i lacci neri che fanno così ambilmente intravvedere una pulsante pelle. Ma l’aspetto che sconvolge è che quest’arte non è improntata e costituita dal solito mezzo classico ovvero il pennello,bensì da uno strumento come l’aerografo che certamente è più preciso, ma per giungere a questa perfezione bisogna che sia supportato da un’ottima abilità, destrezza della mano dettata da ottime celebrali capacità che sanno interagire prontamente e profondamente sull’oggettiva resa che si sprigiona sulla superfice quasi come un bisturi che apporta un segno su tutto quello che passa e tocca.

E nell’opera intitolata “Carezza” vi è anche un sublime risultato dato da quella sapiente scorporazione della tela : tutto questo determina che la nostra attenzione non sappia quasi dove riversarsi e si denota la potenza espressiva e nuovamente la padronanza tecnica di Umberto Zanoni di saper eseguire perfetti particolari in piccole dimensioni, considerando poi che nell’avvicinarsi a questo modo lo ha fatto da integrale autodidatta. Sarà certamente interessante seguire la sua evoluzione esecutiva anche se già adesso si denota una acuta resa che senz’altro darà i suoi frutti.

Tinto Brass – PosSESSO

possesso

Ramona Badescu con le mie Opere

badescu

Pubblicazione sulla Rivista Boè

boe

  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *