2

Arte provocatoria ?

Arte provocatoria ?

Arte provocatoria

Arte provocatoria

Spesso e volentieri, mi domando: agli occhi delle persone, la mia creatività, puo’ passare come Arte provocatoria ?

Onestamente, so perfettamente di non essere mai stato un Artista convenzionale, fin dai tempi del liceo..dove addirittura i professori, mi avevano detto “Eh, caro Zanoni, sei un bravo ragazzo, ma hai completamente sbagliato scuola..perchè tu, con l’Arte, non c’entri proprio nulla..”

Non so se siano stata addirittura quelle frasi, dettemi in faccia, e senza toppi giri di parole, o senza un minimo di tatto, ad avermi urtato al punto che il mio subconscio decidesse di cercare un tipo di produzione che potesse colpire in modo particolare, senza essere scandalosa.

Ma puo’ davvero definirsi la mia, un tipo di Arte provocatoria ?

Non lo so, e forse me ne sono curato solo i primi tempi, quando lo facevo apposta.

Penso di aver dipinto un solo nudo in vita mia, esplicito, sebbene mi sia trattenuto, ma piu’ che altro perchè il nudo, a me non ha mai detto nulla di particolare.

Intendo dire che vedere tutto e subito, mi ammazza la creatività e la fantasia, e quindi, non l’ho mai approfondito, e non mi è praticamente mai interessato.

Ho sempre avuto una visione particolare e molto personale, sia del mondo, sia della sessualità, sia della sensualità, sia di come percepisco le cose.

Sono sempre stato sfiorato [ 😀 ] colpito in pieno da una corrente Gotica, Dark, Fetish, ma credo che questo non debba nemmeno dirlo a parole, dato che mi pare che sia piu’ che evidente nei miei tratti colorati, nelle mie fotografie, disegni e tatuaggi, anche se ho sempre fatto di tutto, per non essere volgare, perchè il limite è strettissimo, e scadere nel viscido e volgare, sarebbe una cosa che non mi perdonerei mai.

Lasciare che lo spettatore sia colpito, a volte urtato, ma senza “dire tutto”, lasciando che il cerchio si fermi un istante prima che si chiuda, in modo che sia un piccolo varco verso un universo mentale parallelo che ognuno di noi deve proseguire per conto proprio.

Ora, questa dovrebbe essere definita Arte provocatoria ?

Puo’ darsi, ma lo accetterei solo se fosse a fin di bene, e in modo positivo.

Tutto questo, lo scrivo pubblicamente qui, sulle pagine del mio sito ufficiale, e lo dico come una sorta di sfogo, perchè a volte, spesso, troppo sovente, mi sento dire “Tu sei troppo strano..fai delle cose che farei fatica anche solo a pensare” [ci devo credere ?? 😉 ] ma per contro, mi rendo anche conto, che la maggioranza delle persone che mi conosce davvero, mostra affetto sincero, e comunque dimostra di volerci essere e mi fa capire che sono una persona che non vorrebbero mai perdere, diversamente, chi mi vede da fuori, pensa che io sia una sorta di strana creatura oscura da evitare e tenere alla larga in qualsiasi modo.

E mi succede, anche nei confini italiani, ma di questo non mi curo minimamente, e intendo dire che qui, in italia, che dovrebbe essere il paese dell’Arte, vengo visto quasi come un imbecille qualsiasi, mentre al di fuori da qui, all’estero, la reputazione è quella di un Artista completo e di buon livello.

Ora, non so dove stia la verità, e penso che in realtà ognuno abbia la propria verità, io so solo che mi sento sempre in difetto verso me stesso, perchè voglio continuamente migliorarmi, e abbattere i limiti che ancora mi frenano.

E allora continuo a parlare, attraverso la mia Arte provocatoria, in modo che possa far pensare, riflettere, confrontare se stessi, verso mondi paralleli che sono li, vicino, accanto a noi stessi, e che a volte facciamo finta di non vedere..[si, perchè facciamo solo finta di non volerli vedere..]

Chissà poi per quale strana ragione..

  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nero di Venere

2 Comments

  1. Ritengo sia un dovere dell'arte provocare emozioni, suscitare reazioni, altrimenti vuol dire che non è riuscita a comunicare un bel niente a chi la contempla. Le reazioni poi sono strettamente soggettive e non dipendono solo dal gusto: c'è la sensibilità, la cultura, il background del soggetto a influenzare il giudizio finale. Ho sempre preferito dire che una cosa non è di mio gusto piuttosto che definirla brutta perchè mettersi in discussione è importante! Ora, bencè influenzata dalla nostra amicizia ritengo che la tua produzione artistica meriti molta più attenzione ma non sei il primo a lamentarti dell'indifferenza della propria patria (ricordi? Nemo propheta in patria…) quindi vai avanti a testa alta e prova ad apprezzarti un pochino di più, comincia tu!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *